martedì 24 luglio 2007

Giocattoli e speranza per i bambini del Libano

L'associazione Messaggeri della Pace, organizzazione non governativa fondata da padre Angel Garcia, ha consegnato 15 tonnellate di giocattoli a bambini malati, orfani, rifugiati e poveri del Libano. Tra questi c'era anche Alì, un bambino libanese di 5 anni che ha subìto l'amputazione delle gambe e di parte di un braccio dopo una strana malattia attribuita a qualche sostanza chimica presente negli armamenti utilizzati nella guerra della scorsa estate tra Israele ed Hezbollah. Alì è stato affidato alle cure di medici spagnoli che sperano, con protesi e riabilitazione, di ridare ad Alì almeno una parte di quello che la guerra gli ha tolto. I bambini sono spesso destinatari dei gesti concreti dei Messaggeri della Pace, poiché per padre Angel "i bambini sono le vittime più innocenti di qualunque guerra o confronto, e sono quelli che soffrono di più, a volte sono i più dimenticati". Il regalare un giocattolo può far dimenticare a un bambino, anche solo per un attimo, traumi e sofferenze subiti a causa della guerra. Prima del Libano, i Messaggeri di Pace avevano distribuito giocattoli anche in altri paesi, tra cui El Salvador, Benin e Iraq. Inoltre quest'associazione ha portato in Spagna per cure mediche negli ultimi 5 anni più di 200 bambini provenienti dall'Iraq, e altri provenienti da altre zone "calde" del mondo. (fonte Misna)

1 commento:

riccardopio ha detto...

Ciao mi chiamo Riccardo Pio D'Avanzo ho 3 anni e 8 mesi e abito a Spezzano Albanese (CS)
sono un bimbo dolcissimo e bellissimo,ma tanto,tanto malato e tutto perchè?
a causa del trauma che ho subito alla nascita sono stato colpito da una malattia molto rara
la sindrome di West e per queste cose brutte che mi sono successe........io non parlo,non cammino,non reggo la testa e vengo alimentato tramite sondino gastrico,esiste qualcosa in Florida che potrebbe migliorare di molto la qualità della mia vita dove altri bimbi come me hanno avuto un netto miglioramento si tratta dell'ossigeno terapia,ma ahimè è troppo cara ci vorrebbe circa 300.000 euro per un anno e io dovrei farne almeno 3,per me e i miei genitori è solo un sogno,ma con il vostro aiuto potrebbe diventare realtà,aiutatemi a realizzare il viaggio della speranza,il mio futuro è nelle vostre mani,per sapere come potete aiutarmi telefonate alla mia mamma 0981.954632 cell 347.0084629 Turchio Giulia

e-mail: riccardopio@yahoo.it

oppure visitate il mio blog http://riccardopio.blog.tiscali.it
ho il mio sito http://riccardopio.altervista.org/index.html

grazie